Tag

, , , ,

Riporto le parole che Narda Fattori ha dedicato ad “Un tramonto sommario” nel blog Narrabilando. Ringrazio infinitamente Narda per l’acume, la sensibilità e la capacità di leggere in profondità i miei testi.

Nuovamente incontriamo la poesia, stavolta di Francesco Accattoli in Un tramonto sommario, che trovo alta nella sua apparente semplicità. Essa celebra il mondo, l´essere al mondo, celebra la vita, anche di poco conto, anche non laureata, come può esserlo un gregge o una quercia o delle ginocchia sbucciate, “possa io vivere in vere parole / l´adunarsi di lumi e di lune / attorno ai tavoli dei caffè”: questa è una vera e propria dichiarazione di poetica a cui segue una dichiarazione di ermeneutica: man mano che l´uomo si serra, si chiude, assomma i chiavistelli, il mondo s´allontana, se ne va via perché questa creatura non gli appartiene più. Malgrado i suoi sforzi l´uomo non sa, non vuole, non riesce ad allontanare il dolore che potrebbe farsi tenero, quasi trait-d´union fra simili nobilitati dallo stesso dolore. L´estroiettazione di cui parla a commento iniziale Massimo Pasqualone è lo sguardo che riconosce sé stesso nell´altro, negli accadimenti e va via via denudandosi di finterie e di apparenze per incontrare l´intimità del proprio sentire.
Non ci sono mai cadute nel banale, nel linguaggio “poetese” così abbarbicato al riascolto, al dire ben acconcio, nelle poesie di Accattoli, a cui auguro di conservare un´ispirazione così avvertita e una voce così ben accordata: “S´impara bene dalle nonne, resta la polpa, / il Pater Ave e Gloria, la paura / dissipata, / il segnale è dentro il corpo, // come a dire ora è già ora; / eppure avrebbe un senso / un poco di neve in un bicchiere.”
Non dobbiamo dunque aspettarci un ottimismo d´accatto, ma il desiderio e la consapevolezza che le contraddizioni e i mali sono ineluttabili ma rendono quasi più degna la vita, meritori lo scamparne, vincenti l´affrontarli dentro lo strepito allegro della folla lungo un viale
.”

Chi volesse leggere l’intera recensione di Narda Fattori sul volume antologico del premio “Pubblica con noi 2007” edito da Fara può farlo cliccando qui.

Annunci