Stàmie stretti guasi mezzi
piccigati, stàmie cucci
come cuanno la corina
tira fina che fa ghiaccio
e mbrigiùla finanta le parole.

Stàmie gerbi nte le rame
de sa pianta, stàmie brenci
de lo aspro che ciavèmie
tutto drento, nt’un silenzio
ntrucinato sal filo del velè.

Cuanta piova ce se lava
via e cuanta ce vorìa
pe’ levacce dalla pella
la tanfa de la gràscia
spasa, la fanga sbriùda de paese.

Cuscì se ‘ntrude la fiecca,
la lengua manisce,
fenisce la ntronata de la frèva.

Stavamo stretti, quasi mezzo
appiccicati, stavamo accoccolati
come quando il vento
soffia teso che infreddolisce.
che gela persino le parole.

Eravamo acerbi sui rami
di questa pianta, eravamo aspri
per l’amaro che avevamo
tutto dentro, in un silenzio
intrecciato con il filo del veleno.

Quanta pioggia ci lava
via e quanta ce ne vorrebbe
per toglierci dalla pelle
la puzza del letame
sparso, il fango impertinente di paese.

Così s’inserisce la zeppa,
la lingua prepara,
sparisce l’intontimento delle febbre.

Annunci