Vorìa avecce ‘l core come ‘l tua,
sbiadì le facce, scolorìlle
a furia de sfregacce i polpastrelli.
Ce facevane i soldati al fronte,
sa le rsomije de le fidanzate
tra na guardia ‘mbrumbulìda e na corona
de schioppettade. E adè che piòe
pure chì de fronte – stago fermo ‘ncora io,
spetto ‘l gambio, o che te storni –

                            adè che piòe
e piòe, sa i culori rmasi ‘ntatti – na bugìa
c’ha ditto ‘l monte – guasi scolo
gioppe ‘l muro de confine,
tra lo sfaldo e le betoniére.
Scialìmo. E nte l’umido l’impronta
non se tòje né se smorcia.

Vorrei avere il cuore come il tuo/ sbiadire i volti, scolorirli/ a furia di sfregarci i polpastrelli/ Ci facevano i soldati al fronte/ con le fotografie delle fidanzate/ tra una guardia intirizzita e una corona/ di schioppettate. E adesso che piove/ pure qui davanti – sto fermo anche io,/ aspetto il cambio, o che torni indietro -/ adesso che piove/ e piove, con i colori rimasti intatti – una bugia/ c’ha detto il monte – quasi scolo/ giù per il muro di confine/ tra l’asfalto e le betoniere./ Perdiamo consistenza. E nell’umido l’impronta/ non si toglie né si spegne.

Annunci