Chi sono

Francesco Accattoli nasce ad Ancona nel 1977. Si laurea nel 2003 presso la Facoltà degli studi di Macerata in Lettere Classiche ad indirizzo archeologico con una tesi sperimentale dal titolo “Le comunità italiane nel Rio Grande do Sul” . Nello stesso anno è ammesso alla Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Superiore di Macerata che gli consentirà di ottenere nel 2005 (con una tesi sulla lingua latina dal titolo “Il dativo nelle iscrizioni di Roma antica: un esempio di sintassi dei casi.”) l’abilitazione per l’insegnamento delle materie lettararie e del latino nei licei.

Nel 2002 esce per Stamperia dell’Arancio il suo primo libro di poesie e prose “Come acqua che riposa…”, pubblicazione che raccoglie importanti riconoscimenti da parte della critica: nel 2002 viene premiato come terzo classificato nella sezione Giovani al Premio Nazionale di Poesia “Minturnae”, mentre nell’estate del 2003 ottiene la Segnalazione della Giuria del Premio Nazionale di Poesia “Sandro Penna”. Il 18 ottobre 2004 la trasmissione di RADIO 1 “Zapping” conclude la sua diretta con la lettura della poesia “Garda Occidentale”.

Nel giugno del 2003 è uno dei fondatori dei Noa Noa, band elettroacustica che guarda con ammirazione ad artisti come Paolo Benvegnù (e con lui i grandissimi Scisma), Cristina Donà, Marco Parente. Con i Noa Noa, dei quali è voce e chiatarra e parole, ha la possibiltà di esibirsi live in tutta la regione e di accedere, nell’estate del 2005, alla finale del San Giorgio Rock Festival.

Terminata l’università, sono frequenti le collaborazioni con testate giornalistiche cartacee (Il Resto del Carlino, L’Urlo) e on line.

Nel 2005 vola a Barcellona dove resterà per più di un anno come docente presso il Liceo Scientifico Italiano. Durante il soggiorno barcellonese entra subito in contatto con il mondo letterario della città, venendo introdotto alla conoscenza di monumenti della poesia spagnola come Jaime Gil de Biedma e Goytosolo.

Nel 2007 si classifica terzo al concorso “Pubblica con Noi 2007” consentendogli di pubblicare nel volume antologico del concorso curato da Fara Editore la sua nuova raccolta di versi dal titolo “Un Tramonto Sommario”. Pochi mesi dopo la sua poesia “Passeggiando per il barrio viejo” si classifica al secondo posto del Premio Nazionale di Poesia “Poesia di strada 2007“.

Sue poesie sono apparse più volte nel sito La Poesia e Lo Spirito (qui e qui), e in Nazione Indiana (qui e qui) Nel maggio 2008 esce una miniantolgia di suoi testi, presi da “Come acqua che riposa…” e “Un tramonto sommario”, più tre inediti, nel sito La Poesia e Lo Spirito (qui).

E’ presente nella pubblicazione promossa da Italia Nostra (sezione del Fermano) e curata da Massimo Gezzi e Adelelmo Ruggieri “Porta Marina – Viaggio a due nelle Marche dei poeti” (Pequod, Ancona, 2008 )

E’ stato uno dei poeti impegnati nel Laboratorio di Poesia “Poesia di Classe” organizzato da Nie Wiem, progetto che intende portare l’esperienza della poesia nelle scuole superiori delle Marche. Nel 2009 ha affiancato Alessandro Seri  nella Bottega di Scrittura organizzata dal Comune di Jesi e tenuta dal poeta maceratese. Sempre nello stesso anno è stato ospite de “La tela sonora“, trasmissione culturale dell’emittente radiofonica Radio Alma di Bruxelles. Contemporaneamente l’editore e poeta Alessandro Ramberti lo invita a far parte della giuria del premio “Pubblica con Noi 2009” per la sezione della poesia.

Dalla primavera del 2008 sino all’autunno dello stesso anno ha collaborato con l’Associazione culturale Coneriana Cult in qualità di giornalista e di responsabile dell’ufficio stampa.

Nel novembre del 2009 vince il Premio Rabelais Edizione Speciale 2009.

Nel febbraio del 2010 è inserito nell’antologia “Calpestando l’oblio – Cento poeti contro la minaccia incostituzionale, per la resistenza della memoria repubblicana” con due liriche, “A questa scuola hanno tolto le finestre” e “10 e 25”.

Il 23 febbraio, esattamente il giorno successivo all’uscita di “Calpestare l’oblio”, due sue liriche, “C’è nero e nero” e “A questa scuola hanno tolto le finestre”, fanno da apertura al I° Congresso Provinciale della FLC-CGIL Ancona.

Il 23 aprile 2010 è presente  su palco per la presentazione dell’antologia al Teatro Socjale di Piangipane (RA) assieme ai curatori Davide Nota e Fabio Orecchini, a Matteo Fantuzzi, e al vicedirettore de L’Unità Pietro Spataro.

Nel maggio dello stesso anno si classifica al primo posto al concorso ArteM Ex-Tempore – Sezione Poesia, promosso dall’associazione ArteM di Urbino.

Nell’estate del 2010 assieme al poeta Loris Ferri e al chitarrista Alessandro Buccioletti dà vita a Fucine Sonore, progetto poetico-musicale che porta in scena a Serra de’ Conti (AN) lo spettacolo “Bestiario del Secolo Presente” nell’ambito di Nottenera 2010.

A  9 anni di distanza dal precedente lavoro, nell’aprile del 2011 esce per FaraEditore la sua nuova raccolta di poesie dal titolo “La neve nel bicchiere”, con una prefazione di Renata Morresi e la copertina curata dalla pittrice Federica Amichetti. Lo stesso giorno della presentazione del libro, organizzata nella suggestiva cornice delle Cantine Garofoli, si esibisce al Teatro Sanzio con il brano “La resa“, tra i vincitori al Premio Artem Ex Tempore 2011 nella categoria canzone d’autore.

Nell’estate del 2011 è uno dei poeti invitati al Festival di Poesia “La punta della Lingua” curato da Luigi Socci e l’Associazione Nie Wiem. Nello stesso anno è tra i vincitori del Premio Guido Gozzano per l’inedito in dialetto con la lirica “Le pozzanghere” e di nuovo ottiene la segnalazione della giuria al Premio “Sandro Penna” con il libro “La neve nel bicchiere”.

Dopo varie apparizioni in riviste on line, nel luglio 2013 esce per la Sigismundus Edizioni il suo nuovo lavoro dal titolo “Lunga un anno“, una plaquette a tiratura limitata che ha l’onore di contare sulla partecipazione della pittrice milanese Linda Carrara, una dei venti artisti finalisti al Premio Cairo, e sulla prefazione di Tommaso Di Dio. Le sei opere pittoriche contenute nel libro e la particolare impaginazione ne fanno un oggetto d’arte a tutti gli effetti.

Nell’inverno del 2014 la plaquette “Lunga un anno” diventa una perfomance di videopoesia, grazie alla preziosa collaborazione del videomaker Filippo Pesaresi e del chitarrista m° Daniele Cecconi: nasce così “Lunga un anno poetry set“.

Dall’estate del 2014, grazie alla collaborazione con il Comune di Sirolo e all’Assessorato alla Cultura, organizza e dirige il festival di poesia “SiroloPoesia“, una due giorni di letture e di proposte di autori apprezzati a livello nazionale.

Sue poesie sono state tradotte in spagnolo.

Attualmente vive ed insegna nella Provincia di Ancona.